13/07/2020

Sulmona, il gioioso connubio tra arte e dolcezze

Famosa in tutto il mondo per i suoi confetti, ricca di storia e di arte.
Situata al ridosso del Parco Nazionale della Maiella, è una meta da non perdere nel vostro viaggio in Abruzzo.

 

SULMONA-CONFETTI

                                                                                                                                    © Salvatore Mancini

A partire dal XV secolo, con l’uso dello zucchero, l’arte del confezionarli si fece strada.

Furono le Clarisse del Monastero di Santa Chiara ad iniziare a creare artisticamente mazzolini di fiori, Rosari, spighe e ghirlande usando fili di seta.

 

SULMONA-CONFETTI

© Salvatore Mancini

SULMONA-CONFETTI

© Salvatore Mancini

Per le sue bontà, il piccolo dolce, ha meritato anche celebrazioni letterarie come quelle del Boccaccio e Goethe. Tra i più noti consumatori si ricorda Giacomo Leopardi, che preferiva i Cannellini, il cui nucleo è formato da un sottile filamento di cannella.

Oggi, nelle caratteristiche botteghe del centro storico, se ne trovano varietà e gusti diversi, come quelli al cioccolato, pistacchio e limoncello.

 

SULMONA-CONFETTI

© Salvatore Mancini

Nell’anima la natura.

Niente ha più anima che un confetto di Sulmona e nessun luogo ha così tanta generosa natura intorno. Già Antonio De Nino, nel 1874, affermava:

“In antico i frutti dei faggi delle nostre montagne si raccoglievano, se ne traevano fuori quelle graziose mandorline e si confettavano”.

In virtù di questa naturale disponibilità di pregiata materia prima, un tempo abbondante, si può a ragione affermare che nei confetti sulmonesi la natura è nell’anima.

– Stefania Marcone (Servizi Turistici Sulmona)

 

SULMONA

                                                                                                                                     © Salvatore Mancini

La lavorazione del confetto

 

lavorazione-confetto

                                                                                                                                    © Salvatore Mancini

Ciò che rende unico il confetto di Sulmona è l’esclusivo brevetto di lavorazione che permette allo zucchero di fissarsi alle mandorle senza aggiunta di amido e farine. Ogni laboratorio ha le sue procedure e i suoi segreti.

 

lavorazione-confetto

lavorazione-confetto

                                                                                                                                      © Salvatore Mancini

Oltre alle mandorle prodotte in valle peligna, vengono utilizzate quelle provenienti dalla Sicilia, in particolare, le rinomate Mandorle di Avola.

La lavorazione del confetto avviene in diverse fasi.

Le mandorle vengono inserite in caldaie di rame o acciaio, chiamate “Bassine”, che ruotano costantemente. All’interno di esse vengono inserite delle soluzioni di glucosio, le quali, evaporando a causa del calore, ricoprono le mandorle formando uno strato uniforme.

B&B Il Giullare